- Hide menu

Il Bivacco

L’idea di realizzare  il bivacco Mamo Comotti a 3665 m nel massiccio del Rosa, sul naso del Lyskamm ci è sembrata  utile e significativa sia dal punto di vista pratico che da quello simbolico;  voler realizzare una simile  struttura  in una zona difficilmente accessibile come quella del naso del Lyskamm, che a tutt’oggi risulta sprovvista di punti d’appoggio per il pernottamento in quota, attualmente  gli alpinisti scelgono spesso, per la sua posizione, come base di bivacco all’aperto.

Il progetto prevede una struttura architettonica che si inserisce nel contesto naturale con un basso impatto ambientale, sia per le sue ridotte dimensioni (complessivamente infatti la struttura si sviluppa su una superficie di poco più di 20 mq), sia per le sue forme essenziali, che richiamano i volumi taglienti delle rocce e delle vette circostanti.
Al contempo, grazie alla sua linearità e alla scelta dei materiali di rivestimento c’è, seppur lieve, un po’ di modernità nell’ambito di un contesto tanto grandioso. Un landmark non invasivo, che rassicura l’alpinista in arrivo con la promessa di un riparo. Le scelte tecnologiche sono finalizzate alla robustezza e alla durevolezza in un ambiente estremo, dove la resistenza agli agenti atmosferici è una prerogativa assoluta.

css.php